The day after

27 Dec

Stamani ci siamo svegliate ed abbiamo visto questo. Non è una grande gioia aprire la porta e non trovare più le scale! Oggi non abbiamo potuto fare nulla di nulla. Metro ferme e strade letteralmente cancellate. Solo un giro a Brooklin per cercare cibo e riscaldarsi con un caffè. Un salto al Parco per vedere come era messo. Lì ci trovi sempre bimbi e cani che giocano. per fortuna la neve era cessata e ne erano rimasti solo gli effetti. Ci vorranno dei giorni perché tutto ritorni a funzionare. Richard è in Connecticut dai genitori, e probabilmente non riuscirà a rientrare. Del resto, la 3rd Street non esiste più.

Ci risulta che la Signora Mimosa Martini, inviata tg5 a New York, abbia riferito di 30 cm di neve e vari disagi. Ecco, si voleva dire che col cazzo che sono 30 cm. Abbiamo documentato almeno un metro, un metro e mezzo di neve. E disagi incredibili.

Una cosa bella: stamani tutti erano fuori dal loro giardinetto con le vanghe a spalare la neve, unendo gli sforzi comuni per creare vialetti di passaggio per i pedoni. Un’atmosfera surreale di collaborazione, forse la cosa più natalizia che ho visto fin qui. Dice Lely che se fossimo stati in Inghilterra, dove vive lei, stasera sarebbero stati tutti ancora lì a guardare la neve con le mani nei capelli e a dire “Oh my God, e ora come si fa?”. Dico io, che se fossimo stati in Italia, non si sarebbe neppure usciti a vedere, ha detto la televisione di restare in casa!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: