And she’s like a baby, just learning how to play …

1 Jan

La festa è finita. Sono appena tornata dall’aeroporto, dove ho lasciato Lely che ora sta già volando verso l’Europa. Non sapevo che La Guardia fosse il nome di un sindaco di NYC, Fiorello La Guardia, in office, guarda il caso, dal 1930 al 1945.

Vabbè, prendo uno scassatissimo bus blu che dal Terminal mi riporta alla Roosevelt Avenue, nel Queens. Un quartiere duro e sciatto, dove non sembra una buona idea passeggiare da sola, e anche sull’autobus è meglio appoggiarsi al vetro e guardare fuori, oltre la condensa che lascia l’inverno, piuttosto che incappare negli sguardi di questi ispanici esaltati con le treccine ed il bomber (ve lo ricordate quando andava di moda da noi, il bomber??). La linea F della subway mi porta un po’ovunque, e da qui, stasera, mi riporta a casa. Quasi un’ora. Ma ho comprato Glamour, quello USA, che è ancora più inutile di quello Italia. Mi fermo anche al Save On Fifth, il negozino di cianfrusaglie sulla 5th Ave, a comprare uno struccante.

@ Vale Gori: ho trovato i cerchietti per le acconciature anni 50🙂 Li fanno $9.90, ora li provo.

Mah, ora che Lely è andata via mi sento un po’ sola a tornare ‘a casa’. Così, in questa casa che non è mia (tanto per cambiare …), stasera mi pare tutto ancora più strano. Il quartiere è sempre molto tranquillo qui, e per strada incontro molte persone che rientrano per la cena. Sono per lo più coppie, hanno delle bottiglie di vino o delle cose in mano: immagino che siano stati invitati a cena per scambiarsi gli auguri per il nuovo anno, o semplicemente rientrano da una giornata trascorsa in compagnia e si portano qualcuno degli avanzi del pranzo per la cena.

Mmmm. Io cammino, e  mi viene in mente una canzone che mi ha fatto conoscere Guido, sarà stato il 1998, forse 1999, pensa te … (@Guido: te la ricordi? me la mettesti addirittura su una musicassetta!).

Il testo: http://www.cowboylyrics.com/lyrics/alabama/lady-down-on-love-4254.html

Passatemi la nota patetica, ma stasera mi racconta un po’ di me, e io lo scrivo perché poi altrimenti, come tutte queste altre cose successe, me ne scordo.

Arrivo all’incrocio con la 3rd, e come ogni sera, vedo la finestra di Richard accesa. E penso a Nora che prepara la cena, e a lui che starà salvando Scarlet da qualcuno dei fantasmi dello Scooby Show. E mi sembra che la luce della loro finestra stia lì, ogni sera, a segnare un traguardo che dovrei avere/vorrei avere davanti. Stasera sono un po’ triste, sì, e allora?

3 Responses to “And she’s like a baby, just learning how to play …”

  1. ila January 2, 2011 at 5:25 pm #

    secondo me sbajo qualcosa ancora…mi sto impegnando però!!! mannaggissima! vediamo se lo pubblica dai dai dai… oh madonnina che polla!

    • france nyc January 2, 2011 at 6:02 pm #

      Si eccoti! Funzioni funzioni! E’ stato il primo un po’ così, ma solo perchè doveva prima venire approvato! Che mi dici?

  2. ILARIA January 3, 2011 at 9:15 pm #

    be’ mi sembra normale tu stia un po’ giu’, ma vedrai che sara’ per poco….kissss

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: